Caricamento Eventi
Serie di eventi Event Series: Lo Schiaccianoci
Amore, sogno e fantasia per uno dei balletti più affascinanti della storia della danza classica. Le scenografie incantate del Balletto del Teatro dell’Opera della Romania, rendono partecipe lo spettatore della stessa fiaba di Hoffmann. Per le sue caratteristiche di favola a lieto fine e per la vicenda pervasa da un’atmosfera fatata di festa, “Lo Schiaccianoci”: una fiaba fatta di dolciumi, soldatini, albero di natale, fiocchi di neve e fiori che danzano, topi cattivi, prodigi, principe azzurro e fatina, è diventato un balletto che ammalia i bambini e incanta i grandi. Per questo è lo spettacolo più rappresentato nel mondo durante le festività natalizie. La conclusione è segnata dallo squisito Valzer dei Fiori, dopo il quale Clara si ritroverà nella sua poltrona con il suo schiaccianoci in grembo, felice di questo sogno di Natale.

Atto I

Durante la vigilia di Natale, agli inizi del XIX secolo, il sindaco indice una festa per i suoi amici e per i loro piccoli figli.
Questi, in attesa dei regali e pieni di entusiasmo, stanno danzando quando arriva il signor Drosselmeyer, un amico di famiglia, che porta regali a tutti i bambini, intrattenendoli con giochi di prestigio, nonostante all’inizio incuta paura ai bambini. Egli ordina di far portare a casa alcuni giocattoli meccanici. Ad un gesto della sua bacchetta, tre pupazzi appaiono – un Schiaccianoci, un Arlecchino, una bambola e un re dei topi. Alla sua prediletta, Clara, regala uno schiaccianoci a forma di soldatino che Fritz, il fratello della bambina, rompe per dispetto.Arrivano così alla festa anche i parenti, che si uniscono alla festa danzando. Clara, stanca per le danze della serata, dopo che gli invitati si ritirano, si addormenta sul letto e inizia a sognare. È mezzanotte, e tutto intorno a lei inizia a crescere: la sala, l’albero di Natale, i giocattoli… e soprattutto una miriade di topi che cercano di rubarle lo schiaccianoci.

Clara tenta di cacciarli, quando lo Schiaccianoci si anima e partecipa alla battaglia con i soldatini di Fritz: alla fine, rimangono lui e il Re Topo, che lo mette in difficoltà. Clara, per salvare il suo Schiaccianoci, prende la sua ciabatta e la lancia addosso al Re Topo, distraendolo; Lo Schiaccianoci lo colpisce uccidendolo. Ed ecco che lo Schiaccianoci si trasforma in un Principe, e Clara lo segue, entrando in una foresta innevata. L’Atto si chiude con uno splendido Valzer dei Fiocchi di Neve.

Atto II

I due giovani entrano nel Regno dei Dolci, dove al Palazzo li riceve la Fata Confetto, che si fa raccontare dallo Schiaccianoci tutte le sue avventure, e di come ha vinto la battaglia col Re Topo. Subito dopo, tutto il Palazzo si esibisce in una serie di danze che compongono il Divertissement più famoso e conosciuto delle musiche di Čajkovskij e che rendono famoso il balletto, culminando nel conosciutissimo Valzer dei Fiori.
Dopo, il Principe e la Fata Confetto si esibiscono in un Pas de deux, dove nelle variazioni si può riconoscere il suono della celesta, strumento usato da Čajkovskij per la variazione della Fata Confetto. Il balletto si conclude con un ultimo Valzer, e il sogno finisce: una volta svegliata, Clara ripensa al suo magico sogno abbracciando il suo Schiaccianoci.

Sono trascorsi più di sei decenni dalla prima assoluta di un balletto completo sul palco dell’ONRI. Nel 1958 ebbe luogo lo spettacolo “Coppelia” di Leo Delibes, con la coreografia di Anton Romanovschi e Nicolae Iacobescu. Ma questo era solo il naturale appagamento di un desiderio molto più vecchio, in una città dove l’interesse per la danza e lo spettacolo di balletto era cresciuto costantemente. Ricordiamo brevemente, tra le vicende storiche, quelle legate all’arte coreografica nella “dolce fiera di lasi”.

A metà del XIX secolo fu inaugurato il Teatrul cel Mare a Copou, il cui palcoscenico avrebbe ospitato spettacoli d’opera e le prime operette locali. La prima compagnia di balletto sarebbe stata prodotta qui, all’interno della compagnia d’opera di L. Ademolo (1866), che avrebbe anche sostenuto spettacoli di opere come “Faust” di Charles Gounod (1873). L’attuale edificio del Teatro Nazionale, che ospita anche il Teatro dell’Opera di Iași, risale al 1896. Fu costruito sotto la direzione degli architetti viennesi Feliner e Helmer, che progettarono teatri simili a Vienna, Zagabria, Odessa, Timisoara, ed è classificato tra i più belli del mondo. Dopo diversi tentativi di stabilire l’Opera come istituzione indipendente, è nata nel 1956 sotto il nome di Opera di Stato, ricevendo presto un corpo di ballo, la cui base è stata fornita dall’intera generazione di diplomati nel 1957 della Scuola Superiore di Coreografia di Bucarest . I suoi primi anni furono un’era di grande slancio artistico, con una partecipazione che rivaleggiava con Bucarest in termini di qualità, composta da 80 ballerine, produzioni su larga scala e un ritmo sostenuto di anteprime e spettacoli. Colui che consolidò il collettivo, firmando la regia e la coreografia di numerosi spettacoli prestigiosi, fu il maestro Bella Balogh. Durante i sei decenni della sua esistenza, la direzione del balletto è stata affidata anche a Mihaela Atanasiu, Ion Bâitanciuc, Marius Zirra, Ion Rusu, Carmen Stanciu, Gheorghe Stanciu, Sergiu Cotorobai. L’evoluzione del balletto di Iasi non è stata una costante lineare nel tempo, ma rifletteva l’orientamento politico della cultura del tempo, il livello di finanziamento delle alte sedi, la situazione abitativa dell’istituto e, non ultimo, l’atteggiamento del manager verso l’arte della danza, elementi che possono essere rilevati nella frequenza e la consistenza delle anteprime.

Negli ultimi anni, il dipartimento di danza dell’ONRI ha aperto le sue porte a ballerini di tutto il mondo, tra cui oggi anche ballerini dal Giappone e dall’Italia, alcuni dei quali solisti.

Negli spettacoli dell’istituzione, che è diventata nel 2003 l’Opera Nazionale Rumena di Iasi, nel corso degli anni si sono esibiti come ospiti primi ballerini rumeni (Magdalena Popa, lleana Iliescu, Gheorghe Cotavelea, Elena Dacian, Sergiu Stefanschi, Corina Dumitrescu, Tiberiu Almosnino, Delia Hantiu, Câlin Hantiu, Monica Chereches ecc.), moldavi (Anastasia HomiÅ£kaia) e stranieri (i russi Laroslav Seh, Irina Kolpakova, Ninel Kurgapkina, Vera Kirova, Vladimir Tikhonov, Vladimir Kuznetov, Alina Herpakova, Aris Kolpokov, i cubani Aurora Bosch e Orlando Salgado, i cecoslovacchi Martha Drotnerova e Vlasmil Harapes, le italiane Liliana Cos, Diana Ferrara e molti altri).

Cristian Preda

Cristian Preda è il primo solista dell’Opera Nazionale Rumena di Iași e l’artista invitato dai più prestigiosi teatri del mondo. Ballerino d’élite che padroneggia sia il balletto classico che le tecniche di danza contemporanea, è costantemente invitato ad esibirsi sui palcoscenici internazionali del mondo in Svezia, Finlandia, Spagna, Francia, Giappone, America, Germania, Croazia, Grecia e Italia. Si è esibito in tournée e galà di balletto di personalità della danza come: Alina Cojocaru, Serghei Polunin, Johan Kobborg, Andrei Batalov, Ivan Vasiliev e altri. La sua performance artistica è stata costantemente apprezzata dai coreografi con cui ha collaborato: Edward Clug, Renato Zanella, Yuri Possokhov, Ross Freddie Ray, Massimo Gerardi, Vasily Medvedev e Mihai Babusca.


Viviana Olaru 

Viviana Olaru è la prima ballerina del Teatro dell’Opera Nazionale Rumena di Iasi. Si è diplomata al National Art College nel 2016. Durante il liceo ha vinto numerosi premi e concorsi nazionali e internazionali e ha seguito corsi estivi presso una delle scuole di danza più famose d’Europa.
Nel suo repertorio ha ballato alcuni dei famosi ruoli del repertorio classico, come Cenerentola, Clara , la Fata Confetto, Giulietta, Kitri e Giselle. Ha collaborato con Gigi Caciuleanu, Ion Tugearu, Ileana Iliescu (artista emerita della Romania) e altri nomi.
Viviana ha anche ballato in alcune serate di balletto nazionali e internazionali, accanto a grandi nomi come Maia Makhateli o Derek Dunn. La sua tecnica, il salto leggero e l’interpretazione sul palco, sono alcune delle sue qualità riconosciute.