Nell’attesa che la situazione epidemiologica del Covid-19 migliori da poter consentire la riapertura dei teatri, la Fondazione Teatro Donizetti propone un ciclo in streaming di spettacoli di prosa presentati negli anni passati sul palcoscenico dello stesso Donizetti e degli altri teatri della città. “L’archivio delle meraviglie: le stagioni di prosa del Teatro Donizetti” è il titolo esplicativo che Maria Grazia Panigada, Direttore Artistico della Stagione di Prosa e di Altri Percorsi, ha scelto per una iniziativa che intende, in primo luogo, dare risalto e rendere fruibile il ricco archivio di filmati e di molto altro materiale nel quale è custodita la storia dello stesso teatro.

Con questo progetto si traccia un primo passo verso la valorizzazione dell’archivio che diventa luogo prezioso a servizio del pubblico, spazio in cui il fare memoria sia fonte di stimolo, ricordo, riflessione e arricchimento.

A partire da venerdì 9 aprile, ogni settimana per 3 giorni, sarà visibile gratuitamente sul canale Vimeo della Fondazione Teatro Donizetti uno spettacolo di prosa ospitato nelle passate stagioni con un’introduzione speciale preparata per l’occasione dai protagonisti!

Il tempo dell’attesa per le chiusure dei teatri, a causa della pandemia, e il tempo dei lavori al Teatro Donizetti, per la ristrutturazione, ci hanno ancora più rivelato quanto sia importante custodire il patrimonio che ci è stato consegnato e valorizzarlo. Vogliamo iniziare ad attraversare quel luogo prezioso, antro magico del tempo, che è l’archivio della Fondazione Teatro Donizetti. Guardando tutto il materiale conservato al suo interno è nata l’idea di chiedere ad alcuni artisti, attori e autori di poter fare vedere un loro spettacolo per dare vita ad una piccola rassegna on line. Il ciclo “L’archivio delle meraviglie” è il primo atto con cui vogliamo condividere con il nostro pubblico il lavoro di scavo e riordino dei materiali della memoria.

Maria Grazia Panigada

GUARDA LO SPETTACOLO SU VIMEO

La rassegna

Il primo spettacolo a tornare virtualmente in scena è Racconti di giugno di e con Pippo Delbono, filmato il 18 febbraio 2010 al Teatro Donizetti nell’ambito della rassegna Altri Percorsi.
Racconti di giugno, produzione della Compagnia Pippo Delbono e Emilia Romagna Teatro Fondazione, è una sorta di diario di bordo, racconto di un’introspezione sul senso nascosto delle relazioni, sul lato dei desideri non espressi ma mostrati, sulla curiosità per gli altri. Un autore-attore si confessa senza reticenze e con pudore in una dinamica di cronache e lampi di memoria, zigzagando tra le avventure della vita scenica e vissuta. Memoria e racconto, dunque, si sovrappongono: una sedia, un tavolino e una bottiglia di birra è tutto quel che serve all’attore, che alterna storie in un footing linguistico, uno slittamento del codice espressivo reso immediatamente percepibile dalle luci e dalle musiche manovrate da Pepe Robledo.

Streaming: visibile gratuitamente su Vimeo. La visione dello spettacolo è preceduta da un breve video d’introduzione di Pippo Delbono.
Calendario: dalle ore 18.00 di venerdì 9 aprile fino alle ore 24.00 di domenica 11 aprile 2021
Durata: 85 minuti
Il secondo spettacolo ad andare in scena in streaming è L’età dell’oro di e con Laura Curino, filmato nel marzo del 2003 nell’ambito della rassegna Altri Percorsi.
Ne L’età dell’oro Laura Curino racconta in chiave autobiografica la storia di una generazione che ha vissuto l’infanzia in un’Italia che stava cambiando, in piena rinascita economica; una generazione finalmente libera dall’indigenza e dalla mancanza di lavoro che ha caratterizzato le generazioni precedenti. “L’età dell’oro” è quindi l’età dell’infanzia, «dove tutto era gioia e bellezza e non esistevano malvagità e dolori», dice la stessa attrice e autrice. È anche l’età del boom economico vissuto a Valenza Po, paese di lunga tradizione orafa. Lo spettatore è quindi accompagnato in un viaggio indietro nel tempo, attraverso i ricordi di Laura bambina, dalla nascita agli otto anni. È un viaggio ricco di avventure (le corse in bicicletta, i gelati da venti centesimi, le letture soporifere della nonna, i primi giorni di scuola, la prima comunione, il comunismo sempliciotto dell’Italia operaia e contadina che tanto spaventava i patronati) e incontri con svariati personaggi: la famiglia, gli amici, le “fate”. Incontri con figure prevalentemente femminili: «Sono stata allevata in un harem», precisa Laura Curino. Ma l’età dell’oro purtroppo pian piano se ne va, non senza dolore e rimpianto: viene corrotta dalla scuola e dalle responsabilità del mondo adulto. Nello spettacolo non mancano le risate, ma a prevalere è la nostalgia per quel periodo “dorato” della vita.
L’età dell’oro di e con Laura Curino
regia Serena Sinigaglia
scene Maria Spazzi
luci Alessandro Verazzi
scelte musicali Sandra Zoccola
in collaborazione drammaturgica Michela Marelli
produzione Teatro Stabile di Torino

Streaming: visibile gratuitamente su Vimeo. La visione dello spettacolo è preceduta da un breve video d’introduzione di Laura Curino.
Calendario: dalle ore 18.00 di venerdì 16 aprile fino alle ore 24.00 di domenica 18 aprile 2021
Durata: 95 minuti