La milonga del futbol

Teatro Donizetti

Evento speciale fuori abbonamento La Milonga del FĂștbol Ăš un racconto di cento anni di storia argentina, dal glorioso passato al piĂč brillante futuro, intriso di romanticismo e passione, con radici profonde nella storia moderna d’Italia; una summa di sport e musica, universalmente riconosciuti come grandi propagatori di emozioni. L’immagine rarefatta del porto di Genova, dal quale partiva il piroscafo Mendoza e con il quale comincia lo spettacolo, ci immerge, ipso facto, nel turbinĂ­o di sentimenti contrastanti scatenato dal fenomeno dell’emigrazione italiana dei primi del Novecento. Con uno sguardo ai “conquistadores” dei secoli precedenti e alle aspirazioni  autoctone, via via, prendono vita sul palcoscenico eroi religiosi e divinitĂ  pagane; sacro e profano, nella terra in cui la rappresentazione teatrale Ăš ancora oggi chiamata FunciĂłn. Tra continui rimandi e asimmetrie temporali, con le curve dinamiche delle vite dei protagonisti che, ineludibilmente, a un certo punto, si collegano, assistiamo alle gesta sportive di campioni senza etĂ , incastonate nella meravigliosa diversitĂ  di quell’emporio mondiale chiamato Argentina, un melting pot di culture e tradizioni. Non poteva che essere il Tango, a volte il miglior stato d’animo per osservare l’arte, a tenere il ritmo, cadenzando il racconto come un respiro dell’anima. Per questo progetto ambizioso abbiamo lavorato affinchĂ© la narrazione fosse dinamica, epica, improvvisa, gioiosa, drammatica, in una tridimensione relazionale e scenica, provando a non perdere mai il contatto con il tempo (cristallizzandolo, anzi, nell’esaltazione della memoria); amando visceralmente tutti i personaggi raccontati, dai protagonisti che vivono di pallone e sogni ai deuteragonisti che, con le loro azioni, determinano destini politici e sociali; armonizzando la parola che, con la sua potenza evocativa, trasmette spunti vitali allo spettatore per alimentarne la fantasia. La Milonga del FĂștbol  diventa anche uno strumento per analizzare fenomeni sociali, che parte da una ricerca qualitativa sui tre metodi di comunicazione scelti. Ascoltiamo, dunque, il canto potente e, allo stesso tempo, suadente di Mascia Foschi; le note di velluto (che accarezzano e alimentano il racconto) di Alessandro Nidi, decisamente piĂč che un pianista; le parole di Federico Buffa, interprete sopraffino della narrazione moderna, che nel pizzicare le corde dell’anima e del cuore, ci racconta la vita che, con la sua maestrĂ­a, diventa letteratura. Pierluigi Iorio

€20,00