Serie di eventi Il diluvio universale

Il diluvio universale

Teatro Donizetti

Azione tragico sacra di Domenico Gilardoni Musica di Gaetano Donizetti Prima esecuzione: Napoli, Real Teatro di San Carlo, 6 marzo 1830 Edizione critica della versione di Napoli a cura di Edoardo Cavalli Š Fondazione Teatro Donizetti INTRODUZIONE Tipica opera di soggetto sacro pensata per la rappresentazione nel periodo quaresimale, Il diluvio universale di Gaetano Donizetti debuttò al Real Teatro di San Carlo di Napoli il 6 marzo 1830, con il celeberrimo basso Luigi Lablache nella parte di Noè. Il libretto di Domenico Gilardoni è ispirato alla tragedia Il diluvio di Francesco Ringhieri con l’aggiunta di elementi tratti da lord Byron e da Thomas Moore. Il modello è evidentemente Mosè in Egitto di Rossini, rappresentato nello stesso teatro dodici anni prima e modello insuperabile di opera di argomento religioso, dove però le storie “sacre” della Bibbia si intrecciano con le vicende “profane” dei protagonisti, in una commistione di temi pubblici e privati. Nonostante un clamoroso errore della primadonna, Luigia Boccabadati, che alla “prima” attaccò in anticipo il concertato del finale primo, Il diluvio universale ottenne un buon successo e rappresenta una tappa significativa nell’evoluzione creatrice di Donizetti. Che l’autore considerasse quest’opera molto importante lo dimostra poi la profonda revisione cui la sottopose alcuni anni dopo. Questo secondo Diluvio universale debuttò al Carlo Felice di Genova il 17 gennaio 1834. Il festival Donizetti Opera presenta invece l’opera nella sua versione originale, quella napoletana. Sul podio sale Riccardo Frizza, direttore musicale del festival, mentre lo spettacolo è affidato ai Masbedo, che attraverso il diluvio, il primo cataclisma naturale della storia, propongono una riflessione sulle questioni attualissime dell’emergenza ambientale e degli sconvolgimenti climatici. Argomenti che toccano tutti, in quell’intreccio fra destini collettivi e individuali che costituisce uno dei temi fondamentali della drammaturgia del Diluvio universale. Ancora una volta, Donizetti parla di noi. TRAMA Noè e i suoi familiari, consapevoli che Dio sta per inviare il diluvio, preparano l’arca appena fuori dalla cittĂ  di SennĂ ar, votata alla distruzione insieme con i suoi peccaminosi abitanti. Noè ha convertito Sela, la moglie di Cadmo, il capo della cittĂ . Sela confida a Noè che il marito la disprezza per la sua fede e ha pubblicamente offeso Dio sfidandolo a punirlo. Arrivano gli sgherri di Cadmo che vogliono bruciare l’arca, Noè tenta di fermarli e Sela decide di tornare dal marito per indurlo a desistere. A questo punto entra in scena Ada, confidente di Sela ma in realtĂ  innamorata di Cadmo. A costui Ada fa credere che Sela sia vicina a Noè non per motivi religiosi, ma perchĂŠ innamorata del primogenito del profeta, Jafet. Con grande soddisfazione di Ada, Cadmo ripudia la moglie e ordina la condanna a morte di Noè, dei suoi figli e anche di Sela, che ha trovato rifugio presso di loro. Noè ammonisce Cadmo a non sfidare l’ira divina e gli predice il diluvio prossimo venturo, mentre la Natura si scatena con tuoni e fulmini. Cadmo arriva presso l’arca con l’intento di distruggerla, mentre Noè, Jafet e Sela vengono arrestati. Cadmo promette ad Ada di sposarla dopo […]

€15,00
Serie di eventi Il diluvio universale

Il diluvio universale

Teatro Donizetti

Azione tragico sacra by Domenico Gilardoni Music by Gaetano Donizetti First performance: Napoli, Real Teatro di San Carlo, 6th March 1830 Critic edition by Edoardo Cavalli Š Fondazione Teatro Donizetti INTRODUZIONE A typical opera with a sacred subject designed for performance during Lent season, Gaetano Donizetti’s Il diluvio universale made its debut at the Real Teatro di San Carlo in Naples on 6 March 1830, with the celebrated bass Luigi Lablache in the role of Noè. Domenico Gilardoni’s libretto was inspired by Francesco Ringhieri’s tragedy Il diluvio, to which he added elements from Lord Byron and Thomas Moore. The model is, of course, Rossini’s Mosè in Egitto, performed in the same theatre twelve years earlier. However, this incomparable model of religious opera intertwined the ‘sacred’ stories of the Bible with the ‘profane’ vicissitudes of the main characters, in a mixture of public and private themes. Despite an egregious mistake by the prima donna, Luigia Boccabadati, who at the premiere started singing the concertato of the finale of act one in advance, Il diluvio universale was well received and marks a crucial stage in Donizetti’s creative evolution. The extensive revision of this opera carried out by Donizetti a few years later witnesses the fact that he viewed it as very important. The second Il diluvio universale debuted at the Teatro Carlo Felice in Genoa on 17 January 1834. However, the version presented at the Donizetti Opera Festival will be the original, Neapolitan one. Riccardo Frizza, the festival’s music director, will be on the podium while the performance will be directed by the Masbedo artistic duo: through the Flood, the first natural cataclysm in history, they urge us to reflect on such topical issues as the environmental emergency and the climate change – two topics that affect us all. This interweaving of collective and individual destinies is one of the core themes of the dramaturgy of Il diluvio universale. Once again, Donizetti is talking about us. PLOT Noè and his family, knowing that God is about to send the flood, prepare the ark just outside the city of SennĂ ar, doomed to be destroyed together with its sinful inhabitants. Noè has converted Sela, the wife of Cadmo, the leader of the city. Sela confesses to Noè that her husband despises her for her faith and has publicly offended God and defied him to punish him. Cadmo’s mercenaries arrive and want to burn the ark, Noè tries to stop them, and Sela decides to return to her husband to persuade him to desist. At this point, Ada, Sela’s confidante but secretly in love with Cadmo, enters the scene. Ada makes Cadmo believe that Sela is close to Noè not for religious reasons but because she is in love with the prophet’s eldest son, Jafet. Much to Ada’s satisfaction, Cadmo repudiates his wife and sentences to death Noè, his sons, and also Sela, who has found refuge with them. Noè warns Cadmo not to defy divine wrath and foretells him that a flood is coming, while Nature unleashes thunder and lightning. Cadmo reaches the ark intending […]

€15,00

Luce di Lammermoor per le famiglie

Teatro Sociale

Opera partecipata Famiglie Luce è una ragazzina di 12 anni. Nata per la precisione nel dicembre del 2011, ha da poco compiuto gli anni. Alla sua festa Luce non ha mai fatto un sorriso. Che le succede? Si sente schiacciata, non è felice, ma non ne parla con nessuno, tiene tutto per sé. E allora quel pomeriggio Luce si arma di cuffie e Spotify e inizia a camminare sola lungo il sentiero che conduce al bosco poco lontano da casa sua. Non ne vuole sapere né di fare i compiti, né di parlare con i suoi genitori. Oggi c’è qualcosa di diverso, tuttavia, nel bosco: le sembra di sentire rumori dietro ogni albero, ha visto anche delle strane ombre muoversi: un lupo forse? Un cervo? Ad un certo punto incontra, vicino ad una fontana ormai ricoperta dal muschio, un fantasma. Un vero fantasma di una ragazza. Bellissima, ma tristissima. Luce decide di aprire il suo cuore e ascoltare la sua storia immergendosi così nelle vicende di Lucia di Lammermoor fra battaglie, amori indimenticabili, inganni e momenti divertenti. Lo spettacolo sarà preceduto, alle ore 15.30, da un laboratorio aperto a tutti per imparare i cori da cantare durante lo spettacolo assieme al cast. Il laboratorio è condotto da Silvia Lorenzi, soprano e formatrice del team education del Donizetti Opera.

€5