Loading...
Archivio e produzioni 2020-09-15T12:30:05+02:00

Gentili colleghi,
nella Stagione 2016/2017 il Teatro Donizetti ha iniziato la propria produzione nell’ambito della prosa. Si tratta di spettacoli che abbiamo pensato, progettato e realizzato con cura insieme a coproduttori con cui da anni condividiamo passione e scelte artistiche.
Siamo, dunque, felici di presentarvi le nostre proposte.

Un caro saluto

Massimo Boffelli, Direttore Teatro Donizetti
Maria Grazia Panigada, Direttore Artistico Stagione di Prosa Teatro Donizetti/Teatro Sociale

RASTELLI FESTIVAL

Dal 2016 al 2018 la Fondazione Teatro Donizetti, in collaborazione con Ambaradan, ha organizzato il Rastelli Festival dedicato alla memoria di Enrico Rastelli, straordinario innovatore dell’arte della giocoleria.
Tre edizioni alla riscoperta di un genere teatrale affascinante: il teatro circo.

Per info info@ambaradan.org

ACCABADORA

Dal romanzo di MICHELA MURGIA

Accabadora, pubblicato nel 2009 da Einaudi e vincitore del Premio Campiello 2010, è il più bel romanzo di Michela Murgia, nonché uno dei libri più letti in Italia negli ultimi anni, tradotto in numerose lingue.

Scopri di più

PER TE

dedicato a Julie Hamelin Finzi

«Per te è, quasi paradossalmente, un inno alla vita, alla strepitosa forza del teatro, della fantasia e della creatività, alla fondamentale importanza dell’amicizia nelle circostanze più difficili dell’esistenza». (Corriere del Ticino)

Scopri di più

DISTRIBUZIONE ED INFORMAZIONI
Michela Gerosa +39 035.4160612
gerosa@fondazioneteatrodonizetti.org

ARCHIVIO

Benvenuti nell’Archivio della Fondazione Teatro Donizetti.

Una raccolta delle proposte teatrali passate della Fondazione e degli incontri intorno agli spettacoli, occasioni scambio e approfondimento tra le compagnie, i registi, gli attori ospitati nei nostri teatri e il pubblico.

Buona scoperta!

Le Stagioni teatrali
della FTD

Scopri di più

Gli incontri intorno
agli spettacoli

Scopri di più

Rastelli
Festival

Scopri di più

Iniziative
Online

Scopri di più

LE STAGIONI TEATRALI DELLA FONDAZIONE TEATRO DONIZETTI

2014/2015

2015/2016

2016/2017

2017/2018

2018/2019

2019/2020

A causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19 parte della programmazione della Stagione dei Teatri 2019/2020 è stata annullata

GLI INCONTRI INTORNO AGLI SPETTACOLI

Intorno a… Don Chisciotte
Venerdì 3 marzo 2019 – Creberg Teatro

Liberamente ispirato al romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra
adattamento Francesco Niccolini
drammaturgia Alessio Boni, Roberto Aldorasi, Marcello Prayer e Francesco Niccolini
regia Alessio Boni, Roberto Aldorasi e Marcello Prayer
con Alessio Boni, Serra Yilmaz, Marcello Prayer produzione Nuovo Teatro diretta da Marco Balsamo

Intorno a… Arlecchino servitore di due padroni
Venerdì 7 febbraio 2020 – Creberg Teatro

di Carlo Goldoni
regia Valerio Binasco
con (in ordine alfabetico):
Natalino Balazzo, Fabrizio Contri, Michele Di Mauro, Lucio De Francesco, Denis Fasolo, Elena Gigliotti, Carolina Leporatti, Gianmaria Martini,. Elisabetta Mazzullo, Ivan Zerbinati
produzione Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

RASTELLI FESTIVAL

Dal 2016 al 2018 la Fondazione Teatro Donizetti, in collaborazione con Ambaradan, ha organizzato il Rastelli Festival dedicato alla memoria di Enrico Rastelli, straordinario innovatore dell’arte della giocoleria.
Tre edizioni alla riscoperta di un genere teatrale affascinante: il teatro circo.

Per info: info@ambaradan.org

INIZIATIVE ONLINE

Scopri tutte le iniziative online organizzate dalla Fondazione Teatro Donizetti durante l’emergenza sanitaria legata al Covid-19

APERTI AI RICORDI

Scopri di più

JAZZ4BERGAMO

Scopri di più

FTD OFFSTAGE

Scopri di più

PRODUZIONI

Nella Stagione 2016/2017 la Fondazione Teatro Donizetti ha iniziato la propria produzione nell’ambito della prosa. Si tratta di spettacoli pensati, progettati e realizzati con cura insieme a coproduttori con cui da anni la Fondazione condivide passione e scelte artistiche.

IVAN

Scopri di più

ACCABADORA

Scopri di più

PER TE

Scopri di più

IVAN

liberamente tratto da  I fratelli Karamazov
di Fedor Dostoevskij
riscrittura  Letizia Russo
consulenza Fausto Malcovati
regia Serena Sinigaglia
scene  Stefano Zullo
luci Roberta Faiolo
assistente alla regia Giulia Sarah Gibbon
con Fausto Russo Alesi
produzione ATIR Teatro Ringhiera e
Teatro Donizetti Bergamo

Il romanzo ha una scansione precisa: dodici libri divisi in due parti, ognuna di sei libri. Si comincia con la preistoria dei Karamazov: il padre Fëdor, istrione volgare che si abbandona con animalesca compiacenza alla lussuria, i tre figli che crescono senza amore, senza madri (Mitja è figlio della prima moglie, Ivan e Alëša della seconda, entrambe morte presto), in famiglie casuali, privi di punti di riferimento.

Nel secondo libro il loro incontro nella cella di padre Zosima: esplodono i conflitti sopiti, affiora la violenza selvaggia dei Karamazov, si respira già l’atmosfera del delitto. Seguono alcuni libri che hanno un chiaro effetto di rallentamento: l’azione reale passa in secondo piano, è come sospesa, tutto si svolge sul piano dell’azione verbale, domina il tema ideologico, la confessione, l’autoanalisi.

Comincia nel terzo libro il primo figlio, Mitja: capace di magnanimità e bassezze, è il Karamazov che pagherà più caro il caos morale in cui tutti si muovono. Nel terzo libro entra anche in scena il quarto figlio, il bastardo Smerdjakov: deforme, afflitto da epilessia, silenzioso, colmo di livore per il ruolo di servo a cui il padre lo costringe, plagiato dalla brillante e corrosiva intelligenza di Ivan, senza legami con la sua terra e la sua gente (dichiara di odiare la Russia, sogna la Francia), sarà l’esecutore materiale del delitto.

Nel quinto e sesto libro due altri grandi messaggi verbali: la confessione di Ivan a cui segue la “Leggenda del Grande Inquisitore” e la vita di Zosima, che Alëša racconta dalle labbra dello starec morente. […]. Negli ultimi sei libri è l’omicidio del padre che dà il ritmo. L’azione è tumultuosa: uno dopo l’altro i personaggi subiscono le crisi, le metamorfosi, e si incamminano verso uno dei due abissi: verso l’alto, la salvazione, o verso il basso, l’annientamento.

Il settimo libro si apre con “Le Nozze di Cana”: il realizzarsi dell’utopia dell’amore, il momento della gioia panica, la trasformazione di Alëša da adolescente a uomo pronto alla lotta. L’ottavo libro è la sfrenata orgia di Mokroe: travolti dal vino e delle danze, Mitja e Grušen’ka vivono la loro grande ultima ora d’amore libero e totali. Poi, l’arresto, il crollo di tutte le illusioni.

Nel nono libro si stringe la trappola intorno a Mitja: le schiaccianti prove lo indicano a tutti come parricida. Per lui non c’è scampo. Ma dalla situazione disperata nasce una nuova fede, una nuova coscienza. Il decimo libro è dedicato al tema dei bambini, uno dei temi centrali del romanzo che avrà la sua apoteosi nell’epilogo: a loro Alëša affida il messaggio di pace e di reciproca comprensione.

L’undecimo libro segna la crisi e il crollo di Ivan: i tre incontri con Smerdjakov lo mettono di fronte alla sua precisa corresponsabilità del parricidio, alla volontà perversa della sua insaziabile dialettica. La tensione e l’angoscia devastano il suo animo corruttore e producono l’allucinazione del diavolo: il brillante castello ideologico e morale dell’intellettuale scettico crolla definitivamente; rimangono la viltà, la miseria morale, la malattia mentale. L’ultimo libro è il processo. […]

Fausto Malcovati, Introduzione a I fratelli Karamazov, Garzanti

Gentili spettatori,

lasciate che vi introduca a questo spettacolo raccontandovi in breve di noi.

Per primo, l’attore: Fausto Russo Alesi.

Di costui non voglio certo ricordare i meriti e i talenti, che, ai più, son già noti. No, in questa sede mi preme sottolineare l’amicizia profonda e l’antico sodalizio artistico che ci lega.

È raro per noi teatranti ritrovarci nel tempo e seppur cambiati, riscoprire l’amore e la passione di sempre.

Noi, che cominciammo assieme poco più che ventenni.

Correva l’anno 1992, la Prima Repubblica crollava sotto i colpi di Tangentopoli, e noi, ragazzini, ci scoprimmo amici e colleghi, amanti di un teatro che non sapevamo ma avrebbe segnato le vite di entrambi. Lo stesso teatro, la stessa spasmodica ricerca di un senso per cui vivere, di un segno da tramandare. Ieri, coi tanti spettacoli vissuti assieme, oggi in questa nuova, meravigliosamente difficile, avventura.

E qui mi urge parlarvi di me. Poche, pochissime righe.

Amo i classici. Amo la grande letteratura russa dell’800 perché in essa gli uomini osavano ancora chiedersi il perché delle cose, osavano affrontare i grandi temi dell’esistenza, esercizio di spirito piuttosto inusuale per i nostri tempi chiassosi.

Chi sei? Cos’è l’uomo? Quale il senso del suo agire nel mondo? Cos’è la libertà? Esiste un ordine nel caos? E la violenza, la violenza di cui è intriso l’uomo, ha un’espiazione possibile?

Abbandonarsi alla lettura de “I fratelli Karamazov” è un viaggio nel tempo attraverso gli uomini, nell’uomo. Ed ecco spiccare un uomo tra gli uomini, o forse è solo un ragazzo troppo maturo per i suoi anni, il secondo dei figli Karamazov, il più tormentato, il più assolutamente umano: Ivan.

L’uomo e l’intera umanità visti dagli occhi di Ivan Karamazov, questo il nostro viaggio. I fratelli Karamazov secondo Ivan, se volete.

Ma come farlo da soli?

Io amo i classici e adoro Dostoevskij, questo l’ho già detto. Fausto è perfetto per Ivan, anche questo…no, questo non l’ho ancora detto, ma credetemi sulla fiducia, se per conto vostro non l’avete già pensato. Ma noi due non bastiamo di fronte all’enormità del viaggio intrapreso. Vi presento pertanto gli altri due compagni di ventura.

Letizia Russo, autrice teatrale, intellettuale originale, unica, capace di guardare al mondo e di trascriverlo come fosse il suo da sempre. A lei il compito di costruire una drammaturgia che a partire dal libro sappia racchiudere il pensiero e le azioni di Ivan. Non solo “Il grande inquisitore” dunque ma i nervi, i muscoli, l’anima, il sangue di chi quel racconto lo ha partorito. Lui, Ivan.

E infine Fausto Malcovati. Il professor Fausto Malcovati. Un vanto per noi italiani, se solo fossimo capaci di vantarci di qualcosa di diverso da un calciatore. Uno dei più grandi conoscitori della lingua e della letteratura russa in Italia. Fausto ci aiuterà a distinguere, a conoscere, a tradurre, a tradire senza “violare” l’opera dell’immenso autore russo.

Non altro posso qui aggiungere, a parlare sia da ora lo spettacolo.

E che vogliate apprezzarlo e goderne è desiderio sincero di noi tutti.

A teatro, dunque! A teatro!

Serena Sinigaglia

Serena Sinigaglia (1973) si diploma al corso di regia teatrale presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi. Dal 1996 è fondatrice e direttore artistico di ATIR. Dal 2007 è anche direttore artistico del Teatro Ringhiera di Milano. Il suo percorso registico da sempre si è articolato attraverso diversi filoni. Quello dei classici, tra i quali si ricordano spettacoli come: “Romeo e Giulietta” e “Lear ovvero tutto su mio padre” di W.Shakespeare, “Troiane” da Euripide, “Donne in parlamento” da Aristofane, in coproduzione con il Piccolo Teatro di Milano, “Nozze di Sangue” di Federico García Lorca, tradotto in barbaricino da Marcello Fois. Inoltre Serena Sinigaglia si è sempre dedicata con passione alla drammaturgia contemporanea. I principali passaggi di questo percorso sono stati gli spettacoli: “1943 – Come un cammello in una grondaia” tratto dalle Lettere dei condannati a morte della resistenza europea; lo spettacolo premio UBU “Natura morta in un fosso” di Fausto Paravidino con Fausto Russo Alesi; “L’età dell’oro” di e con Laura Curino; “Il grigio” di Gaber/Luporini, produzione Piccolo Teatro di Milano, con Fausto Russo Alesi; i due capitoli conclusivi del progetto Incontro con epoche straordinarie: “1968” e “1989 – crolli”; “La cimice” di Majakovskij, produzione Piccolo Teatro di Milano (2009); “La bellezza e l’inferno” di e con Roberto Saviano per il Piccolo Teatro di Milano; “Napoli non si misura con la mente” di Mario Santanelli produzione Napoli Teatro Festival 2009 e RAI Radio Televisione Italiana in collaborazione con ATIR; “Prospettive per una guerra civile” di Enzensberger; “Settimo” di Serena Sinigaglia al Piccolo Teatro di Milano (2012); “Ribellioni Possibili” di Luis García-Araus e Javier García Yague, produzione ATIR candidata agli UBU 2013; e nel 2014 il testo inedito “Italia Anni Dieci” di Edoardo Erba, produzione ATIR, e il testo “Alla mia età mi nascondo ancora per fumare” della drammaturga franco-algerina Rayhana, produzione ATIR.

Nel 2015 firma la regia del primo serial teatrale in Italia, “6Bianca” di Stephen Amidon, produzione Fondazione del Teatro Stabile di Torino in collaborazione con Scuola Holden, e (sempre nel 2015) quella di “Utoya” di Edoardo Erba con Arianna Scommegna e Mattia Fabris, produzione Teatro Metastasio; nel 2016 ha diretto “Nudi e crudi” di Alan Bennet, con Maria Amelia Monti e Paolo Calabresi per la Artisti Associati, e “Tre alberghi” di Jon Robin Baitz con Maria Grazia Plos e Francesco Migliaccio, produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Dal 2001 Sinigaglia si misura anche con l’opera lirica in diversi allestimenti, ultimo dei quali “Carmen” presso lo Sferisferio all’interno del Macerata Opera Festival. Nel 2014 ha debuttato con “Tosca” al Teatro La Fenice di Venezia. Nel maggio del 2008 pubblica, per la casa editrice Rizzoli, il suo primo romanzo “E tutto fu diverso”.

Tra i premi si ricordano: Premio nazionale di regia al femminile Donnediscena (2005); Premio Franco Enriquez (2006); Premio Hystrio alla compagnia ATIR per la qualità e l’impegno della compagnia dimostrato negli anni (2006), Premio Milanodonna 2007 del Comune di Milano; Medaglia d’oro 2007 conferita dalla provincia di Milano per l’attività promossa da ATIR; Premio Regium Giulii 2008 per la miglior opera prima col romanzo “E tutto fu diverso”; Premio Milano per il Teatro 2009 per il miglior spettacolo con “L’Aggancio”; Premio Hystrio-Provincia di Milano a Teatro Ringhiera/ATIR 2012; la candidatura ai Premi UBU 2013 con lo spettacolo “Ribellioni Possibili”, Premio della Critica 2014 e Premio Hystrio alla Regia 2015.

Fausto Russo Alesi, diplomato alla Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi”, dal 1996 è uno dei soci di A.T.I.R.

Nel 2002 ottiene il premio dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro. Nella stagione 2000/2001 è Kostja ne Il Gabbiano di Cechov, diretto da Eimuntas Nekrosius; per questa interpretazione e quella di Natura morta in un fosso di Fausto Paravidino, regia Serena Sinigaglia, riceve il Premio UBU 2002 come miglior attore giovane. Nel gennaio 2003 è vincitore del 21st International Fadjr Theatre Festival a Teheran (Iran), attribuito dall’I.T.I. Unesco. Nel 2004 interpreta Il Grigio di Giorgio Gaber, regia di Serena Sinigaglia, ricevendo il “Premio Olimpici del Teatro” (premio ETI 2004), il premio Annibale Ruccello (2004), il premio Vittorio Gassman, la Maschera d’oro e il Persefone d’oro (2005). È interprete e regista dello spettacolo Edeyen di Letizia Russo. Ha lavorato anche con Gigi Dall’Aglio, Ferdinando Bruni, Armando Punzo e Gabriele Vacis, con Peter Stein (I demoni di Dostoevskij) e di nuovo con Serena Sinigaglia (L’Aggancio di Nadine Gordimer).

Diretto da Luca Ronconi ha recitato in Il silenzio dei comunisti, Fahrenheit 451, Nel bosco degli spiriti, Sogno di una notte di mezza estate, Il mercante di Venezia (nel ruolo di Shylock), La modestia di Rafael Spregelburd, Santa Giovanna dei macelli di Brecht (premio UBU miglior attore non protagonista). Per il ruolo di Kirillov ne I demoni e di Bottom in Sogno di una notte di mezza estate, ha vinto il Premio UBU 2009 come miglior attore non protagonista. Ancora al Piccolo è stato unico interprete e regista di 20 novembre di Lars Norén e, nella stagione 2010/2011, ha recitato in Nathan il saggio di Lessing, diretto da Carmelo Rifici.

Tra le altri recenti interpretazioni, protagonista e regista di Cuore di cactus di Antonio Calabrò.

Per il cinema è stato diretto da Silvio Soldini in Pane e tulipani e in Agata e la tempesta; ha recitato, tra gli altri, in Le rose del deserto di Mario Monicelli, In memoria di me di Saverio Costanzo (in concorso al Festival di Berlino), in Vincere di Marco Bellocchio, in concorso al Festival di Cannes 2009, in La doppia ora di Giuseppe Capotondi, in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2009, in La passione di Carlo Mazzacurati, in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2010. Nel 2012 compare in ben tre pellicole, Romanzo di una strage, regia di Marco Tullio Giordana; Venuto al mondo, regia di Sergio Castellitto e Il comandante e la cicogna, regia di Silvio Soldini.

Per Radio Rai ha letto il romanzo Padri e Figli di Turgenev.

Letizia Russo, nata a Roma nel 1980, inizia a scrivere per il teatro a 17 anni, al conseguimento del premio Grinzane-Cavour con il Dialogo tra Pulcinella e Cristo. Il suo primo testo, Niente e Nessuno, viene messo in scena nel 2000 al Festival Per Antiche Vie, diretto da Mario Martone, con la regia di Marcello Cotugno, con Ciro Damiani, Giancarlo Ratti e Alessia Giuliani.

Nel 2001, con Tomba di cani, vince il Premio Tondelli (Premio Riccione); il testo viene messo in scena nel 2002 dall’ATP di Pistoia, per la regia di Cristina Pezzoli, con Isa Danieli, Peppino Mazzotta, Sara Bertelà, Federico Pacifici, Giuliano Amatucci, Aram Kian, Enrico Casagrande. Il testo vince, nel 2003, il Premio UBU come miglior novità drammaturgica. Il testo è stato tradotto e rappresentato in Germania, Francia, Cile, Brasile, Portogallo, Slovacchia. Nel 2003, su commissione del National Theatre di Londra, scrive Binario Morto – Dead End, per il festival Shell-Connections, e viene rappresentato, nella traduzione di Luca Scarlini e Aleks Sierz, da trentadue compagnie giovanili in tutto il regno unito e rappresentato al National Theatre di Londra nel 2004. Nel 2004 scrive Babele, messo in scena al festival Petrolio, con la regia di Paolo Zuccari, con Paolo Zuccari e Roberta Rovelli. Il testo è tradotto e rappresentato in Francia, Germania, Brasile, Portogallo. La RAI ne ha realizzato un prodotto televisivo per la regia di Sandro Vanadia nel 2010. Sempre per la regia e interpretazione di Paolo Zuccari, scrive nel 2005 Primo Amore, testo che riscuote grande successo in Italia e all’estero. La messa in scena in Brasile, diretta da Alvise Camozzi, con la traduzione di Rachel Brumana, vale a João Miguel il premio Shell come migliore interpretazione. Nel 2015 il testo viene prodotto dal Theatre Ouvert di Parigi, con Mathieu Mantainer, regia di Isabelle Mouchard. Per Fausto Russo Alesi, che ne cura la regia e interpreta in ruolo principale, scrive Edeyen, che debutta al festival di Taormina nel 2005, com Pia Lanciotti, Debora Zuin, Sergio Leone, Maria Pilar Perez Aspa.

ATIR (Associazione Teatrale Indipendente per la Ricerca) è un’associazione culturale costituita nel 1996 con sede sociale a Milano su iniziativa di giovani neo-diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi; è una realtà attualmente composta da nove soci fondatori tra attori, regista, scenografo, e svolge da anni con continuità attività di produzione e tournée, diventando negli anni una delle compagnie italiane più riconosciute e apprezzate in Italia. Il 17 maggio 2016 compie 20 anni, un traguardo storico che pochi complessi artistici possono vantare.

Svolge inoltre regolarmente anche attività di formazione attraverso laboratori per professionisti e laboratori aperti alla cittadinanza, e da diversi anni ha consolidato un’ampia e articolata attività sociale rivolta a fasce di pubblico svantaggiate (disabili, anziani, giovani).

Nel 2008 ATIR ha scelto di stabilizzarsi e di trovare una sede, e ha preso in gestione, in convenzione con il Comune di Milano, uno spazio pubblico di 230 posti sito nella periferia sud della città, il Teatro Ringhiera, scelta che ha enormemente aumentato la quantità di attività organizzata e realizzata, non ultima la programmazione di una stagione teatrale.

Dal 2011 l’Associazione si è allargata a nuove tipologie di soci: ad honorem e sostenitori, ovvero pubblico, amici e simpatizzanti che con il loro apporto progettuale ed economico portano, attraverso lo strumento delle assemblee, nuove energie per il futuro. La direzione artistica è attualmente affidata a Serena Sinigaglia (43 anni) e la direzione organizzativa a Anna Chiara Altieri (39 anni).

La Compagnia, che nel corso di questi anni di vita ha intessuto rapporti intensi a tutti i livelli istituzionali, ha ricevuto e riceve costantemente contributi per la propria attività, oltre che dal Ministero, da: Comune di Milano (che nel 2012 ha inoltre riconosciuto ad ATIR l’Attestato di Civica Benemerenza, l’Ambrogino), Regione Lombardia. Nel triennio 2009/2011 ATIR ha ricevuto un finanziamento nel contesto del bando a sostegno delle residenze teatrali (Être) di Fondazione Cariplo e per il triennio 2012/2015 un ulteriore contributo a favore del miglioramento gestionale con il progetto ATIR +20, per la crescita e lo sviluppo della struttura della Compagnia.  Nel 2015 la compagnia ha avuto accesso ad un nuovo finanziamento triennale di Fondazione Cariplo nell’ambito del bando “Cultura sostenibile”, finalizzato sempre al miglioramento gestionale e all’ampliamento del pubblico.

Nel 2013 si sono approfondite alcune importanti collaborazioni già avviate negli anni precedenti: IMAB (Ministero della Cultura di Spagna), Istituto Cervantes, Consolato di Spagna, Être Associazione delle Residenze Teatrali Lombarde (di cui ATIR è socio), oltre a molte collaborazioni locali con università e scuole. Dal 2013 ATIR ha iniziato a partecipare anche ai meeting della rete europea IETM e ha avviato un importante progetto di rete locale e nazionale sui teatri che lavorano in periferia e in zone di particolare problematicità sociale (progetto TTT).

Distribuzione ed informazioni
Anna de Martini
Tel. 02.87390039
E-mail: annademartini@atirteatroringhiera.it

Crediti Foto – Marina Alessi

ACCABADORA

dal romanzo di Michela Murgia
edito da Giulio Einaudi Editore
drammaturgia Carlotta Corradi
regia Veronica Cruciani
scene e costumi Barbara Bessi
luci Gianni Staropoli
video Lorenzo Letizia
assistente alla regia Giacomo Bisordi
con Monica Piseddu
produzione Compagnia Veronica Cruciani,
Teatro Donizetti Bergamo e Cranpi Spettacoli

Accabadora, uno dei più bei romanzi di Michela Murgia, nonché uno dei libri più letti in Italia negli ultimi anni (Einaudi 2009; vincitore Premio Campiello 2010), è il nuovo spettacolo di Veronica Cruciani.
È stato scritto da Carlotta Corradi su richiesta della regista che da subito ha pensato di farne un monologo partendo dal punto di vista di Maria, la figlia di Bonaria Urrai l’accabadora di Soreni.

La loro proposta è stata immediatamente accolta dalla scrittrice sarda, la quale per la prima volta ha deciso di appoggiare e accompagnare la nascita di uno spettacolo nato dal suo romanzo. Michela Murgia racconta una storia ambientata in un paesino immaginario della Sardegna, dove Maria, all’età di sei anni, viene data a fill’e anima a Bonaria Urrai, una sarta che vive sola e che all’occasione fa l’accabadora.

La parola, di tradizione sarda, prende la radice dallo spagnolo acabar che significa finire, uccidere; Bonaria Urrai aiuta le persone in fin di vita a morire. Maria cresce nell’ammirazione di questa nuova madre, più colta e più attenta della precedente, fino al giorno in cui scopre la sua vera natura. È allora che fugge nel continente per cambiare vita e dimenticare il passato, ma pochi anni dopo torna sul letto di morte della Tzia. È a questo punto della storia che comincia il testo teatrale. Maria è ormai una donna, o vorrebbe esserlo. Ma la permanenza sul letto di morte della Tzia mette in dubbio tutte le sue certezze.

«Ho scelto questo romanzo perché questa storia ci propone un modello alternativo di famiglia, dove la madre non è quella biologica ma adottiva, e quindi un modello diverso di società; ha un aspetto politico, che è quello che sempre mi interessa nelle storie che scelgo di mettere in scena.
Il dialogo tra Maria e Tzia Bonaria, sua madre, per me avviene solo nella testa della protagonista; è un dialogo tra sé e una parte di sé, tra una figlia e il suo genitore interiore. Per questo in scena ho posto una parete grigia che rappresenta uno spazio mentale, la scatola cranica di Maria da cui anche provengono dei suoni, suoni di tenebre notturne in cui Maria insonne cerca di superare il lutto della morte di questa madre di fatto. Da un punto di vista psicanalitico il primo grande lutto è proprio ‘io non sono mia madre’. Finisce il periodo imitativo e comincia la fase di consapevolezza del sé corporeo. È grazie a un processo dove mettiamo in luce una serie di diversificazioni che avviene il processo di separazione e questo provoca inevitabilmente una forma di angoscia. L’uccisione della zia diventa quindi una metafora della crescita di Maria che da immatura diventa donna, riattraversando il doloroso passato e proiettandosi verso il futuro.
Esiste un’antica credenza popolare che attribuisce alla comparsa del Doppio il significato di morte incombente. La figura della morte assume sembianze corporee, specifiche e inconfondibili, dell’individuo che ne fa l’esperienza. Il messaggio può essere tradotto cosi io sono la cosa a te più familiare e al contempo la cosa più terrificante che tu stesso possa incontrare, sono ciò che conosci da sempre e che da sempre ignori».

Veronica Cruciani

«Il monologo, in fondo, racconta una storia d’amore. In questo caso, tra una figlia e una madre. In questo caso, non la madre naturale. Ma l’altra madre. I due grandi temi che oggi chiameremmo dell’eutanasia e della maternità di fatto, nel testo teatrale come nel romanzo, creano un ambito di riflessione ma non sono mai centrali quanto l’amore e la crescita. Crescita sempre e inevitabilmente legata al rapporto con la propria madre, naturale, adottiva o acquisita che sia».

Carlotta Corradi

«Carlotta Corradi ha fatto un lavoro di tessitura, utilizzando tutte parole mie, ma in un modo in cui io non le ho usate. C’è un’originalità anche autoriale in questo testo. Chiamarlo ‘riduzione’ non va bene: è un ampliamento. Una visione che io non ho assunto perché la mia attenzione era sulla vecchia, non sulla bambina. È un pezzo di Maria che mancava, sono felice che siano state altre donne a vederlo. Probabilmente dieci anni fa, quando ho scritto il romanzo, non ero in grado di vedere la Maria adulta. Ora è un piacere leggerla nelle parole, negli occhi, nel gesto artistico di altre professioniste. Pur non avendo scritto una parola, potrei controfirmarla, la sento molto mia, molto somigliante all’intenzione letteraria che c’era nel romanzo».

Michela Murgia

Veronica Cruciani è attrice e regista. Nel 2003 Ascanio Celestini scrive per lei il monologo Le Nozze di Antigone – segnalato al premio Riccione e vincitore del premio Oddone Cappellino – di cui è interprete e regista insieme ad Arturo Cirillo. Nel 2004 fonda la Compagnia Veronica Cruciani con la quale indaga sul rapporto fra memoria e drammaturgia contemporanea. Nel 2009 vince il premio Cavalierato Giovanile – Migliori talenti under 35 e nel 2012 il Premio Hystrio-Anct dell’associazione dei critici italiani. Tra le sue ultime regie: Il ritorno di S. Pierattini di cui è regista e produttrice (2007), vincitore del premio della critica Anct come miglior testo italiano, La palestra di G. Scianna (2011), Peli di Carlotta Corradi (2013), Preamleto di Michele Santeramo prodotto dal Teatro di Roma e Due donne che ballano, prodotto dal Teatro Carcano di Milano (2015), La bottega del caffè di R.M. Fassbinder, prodotto dallo Stabile del Friuli Venezia Giulia (2016), Quasi Grazia di Marcello Fois con Michela Murgia nel ruolo di Grazia Deledda, prodotto da Sardegna Teatro. Dal 2013 è direttrice artistica del Teatro Quarticciolo di Roma.

Monica Piseddu si diploma come attrice all’Accademia Nazionale D’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Dal 2002 lavora per oltre dieci anni con Arturo Cirillo in numerose produzioni, tra cui L’Ereditiera, Le Intellettuali, Le cinque rose di Jennifer, Otello, Lo zoo di vetro. Ha lavorato inoltre con Mario Martone in Edipo a Colono, con Daria Deflorian e Antonio Tagliarini come attrice e collaborazione al progetto in Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni, con Massimiliano Civica ne La Parigina e L’Alcesti, con Antonio Latella in Natale in casa Cupiello e Ti regalo la mia morte, Veronika. Al cinema ha lavorato con Paolo Sorrentino ne La grande bellezza, e con Marco Bellocchio in Fai bei sogni. Nel 2007 riceve il Premio Ubu migliore attrice non protagonista, nel 2015 il Premio della Critica, il Premio Ubu migliore attrice e il Premio Le Maschere migliore attrice non protagonista, e nel 2016 il Premio Hystrio all’interpretazione.

Carlotta Corradi, classe 1980, drammaturga, vince il Mario Fratti Award 2014 per la drammaturgia nell’ambito del Festival InScenaNy con il testo Via dei Capocci, tradotto in inglese e messo in scena al Theatre For A New City di Manhattan; il testo è pubblicato in Italiano da Editoria&Spettacolo nel volume New Writing Italia 2. Nel 2012 scrive Peli – edito da Editoria & Spettacolo nel volume “Trittico a nudo” – che viene prodotto da Fondazione RomaEuropa e AtclLazio con la regia di Veronica Cruciani. Nello stesso anno entra a far parte del gruppo di drammaturgia guidato da Fausto Paravidino al Teatro Valle Occupato. Nell’ambito di questo scrive Aritmia, finalista al premio Hystrio Scritture di scena 2014. Nel 2017 è finalista al premio Riccione con il testo Nel bosco. Oltre a scrivere per il teatro, è documentarista.

Budapest – Ungheria
«In pochi minuti, il pubblico si adatta a questa strana lingua e viene trasportato in una sorta di nostalgia svolazzante e famigliare, come in un lontano sogno».
«Il tempo diventa un concetto relativo in questo giardino. Non c’è una narrativa lineare, solo sequenze di immagini che ci permetto di assaporare il sentimento di nuotare nel infinito oceano di dolore e ricordo».

Fidelio.hu – 23.03.2017

Distribuzione ed informazioni
Gerosa Michela
Tel. 035.4160612
E-mail gerosa@fondazioneteatrodonizetti.org

Crediti Foto – Marina Alessi

PER TE dedicato a te, cara Julie

scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca
musica, co-design suono e coreografie Maria Bonzanigo
scenografia e accessori Hugo Gargiulo
costumi Giovanna Buzzi
co-design luci e direttore di produzione Alexis Bowles
video designer Roberto Vitalini
air sculpture designer Daniel Wurtzel
consulente di produzione Antonio Vergamini
co-design e tecnico del suono in creazione Fabio Lecce
assistente alla regia e direttrice di scena Allegra Spernanzoni
assistente alla regia & direttrice artistica della tournee Geneviève Dupéré
make-up designer e hairstyle designer Chiqui Barbé
sulla scena Allegra Spernanzoni,
Andrée-Anne Gingras-RoyBeatriz Sayad,
David Menes, Erika Bettin, Evelyne Laforest,
Félix Salas, Francesco LanciottiJens Leclerc,
Marco PaolettiMoira Albertalli, Nicolò Baggio,
Rolando Tarquini e Stéphane Gentiliniproduzione della Compagnia Finzi Pasca
in co-produzione con LAC – Lugano Arte e Cultura,
RSI – Radiotelevisione Svizzera,
OSI – Orchestra della Svizzera Italiana e Teatro Donizetti
partenaires alla creazione Cornercard, Fidinam, Grand Hotel Villa Castagnola,
Caffè Chicco d’Oro e partner internazionale Helsinn, Clay Packi
con il sostegno di Città di Lugano, Canton Ticino and Pro Helvetia.Durata: 1 ora e 40 minuti (con intervallo)

“Palcoscenico sventrato, tecnici e attori che si muovono come gatti nel buio, che si preparano, che si immergono lentamente nella storia. E la storia avvolgerà piano piano lo spettatore, la storia di un libro regalato, di un giardino da costruire, di una lotta come le lotte che tutti prima o poi dovremo vivere e affrontare.
Julie credeva che ognuno dovesse cercare di costruire un giardino interiore dove andare a rifugiarsi, dove accogliere chi si ama, quelli che si sono persi e quelli che si vorrebbero scoprire.

Racconteremo dunque la storia di una panchina e di un giardino, poi ci sarà la fragilità che ognuno di noi difende con armature e corazze. Ci sarà la leggerezza del ricordo delle sue risate, dei suoi libretti pieni di calcoli e di annotazioni, i suoi consigli e i suoi sogni. È la missione di ogni vita cercare di costruire un giardino interiore dove andare a rifugiarsi, dove accogliere chi si ama, quelli che si sono persi, quelli che si vorrebbero incontrare in un luogo intimo e riservato. Abbiamo tanto raccontato storie confinate in spazi chiusi, immaginate nella scatola segreta che portiamo attaccata alle spalle, dentro la quale generiamo sogni e viaggi immaginari.

Questo spettacolo è dedicato a chi pianta semi che diventano alberi, a chi disegna spazi aperti immaginati per riflettere, per rasserenare l’anima.”

Daniele Finzi Pasca

21 giugno 1972 – 14 maggio 2016
Montréal – Lugano

Una ragazza in un mondo di uomini. Julie ha avuto un percorso eccezionale. Giovane, a 21 anni, è co-fondatrice del Cirque Eloize a Montréal. Gli spettacoli che lei produce portano la compagnia sui palcoscenici più rinomati del mondo, peraltro grazie al suo lavoro di sviluppo internazionale del quale è responsabile.
Un incontro magico si verifica quando Julie conosce Daniele dopo una rappresentazione di Visitatio, spettacolo del Teatro Sunil e Carbone 14 presso l’Usine C a Montréal nel 2000. Julie lo invita a collaborare. Questa collaborazione farà nascere la Trilogia del cielo, composta da Nomade, Rain e Nebbia. Questi tre spettacoli faranno il giro del mondo proponendo un’unica firma e uno stile particolare di approccio creativo: “il teatro della carezza”. Julie si identificherà pienamente in questa tecnica sviluppata da Daniele e da Maria Bonzanigo.

Giunto il momento di continuare il suo cammino con Daniele, suo grande complice nella vita e nelle arti, fondano insieme Inlevitas nel 2010. Un anno più tardi, Inlevitas si unirà al Teatro Sunil per far nascere la Compagnia Finzi Pasca con gli stessi compagni delle prime collaborazioni, ossia Antonio, Hugo e Maria che avevano già nel loro percorso più di una quindicina di creazioni. Dopo la Trilogia del cielo e Corteo per il Cirque du Soleil, ci sono state la Cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici invernali di Torino nel 2006 e la regia dell’opera Love from Afar presso l’English National Opera di Londra. Hanno fatto seguito due altre cerimonie olimpiche, quella di chiusura dei Giochi Olimpici invernali di Sochi nel 2014 e quella di apertura dei Giochi Paralimpici della stessa edizione. A ciò si aggiungono quattro altre regie di opere: Aida e Requiem di Verdi con il Mariinsky Theatre di San Pietroburgo, Pagliacci e Carmen con il Teatro San Carlo di Napoli.

Tra queste produzioni, Julie collabora con Daniele alla scrittura e in qualità di creativ director per i tre spettacoli della Compagnia Finzi Pasca: Donka, La Verità e Bianco su Bianco. Insieme creano Luzia per il Cirque du Soleil e progettano Montréal Avudo per celebrare il 375° anniversario della città natale di Julie. Paralellamente, segue da vicino la pubblicazione del libro Teatro della carezza di Facundo Ponce de León e di Nuda, scritto da Daniele, così come la preparazione del progetto del film Piazza San Michele e lo spettacolo della Fête des vignerons 2019.

Grande visionaria, Julie ha messo in atto una struttura e un modo di lavoro al servizio della creazione artistica. Tessendo dei legami di collaborazione con rinomate istituzioni, la Compagnia Finzi Pasca è stata spinta al di là delle frontiere della Svizzera. Con spettacoli che ogni anno fanno il giro del mondo, produzioni per importanti case d’opera e la creazione di eventi su grande scala la ricchezza artistica di Lugano e della Svizzera italiana gode di una visibilità privilegiata su scala internazionale. Julie è stata inoltre invitata a dirigere gruppi di creazione di progetti di piccole dimensioni e dei più grandi spettacoli degli ultimi anni in Svizzera, in Russia, in Canada e in Italia, solo per citare qualche esempio.

Oltre alla sua abilità straordinaria di portare avanti progetti contro venti e maree , Julie, donna d’affari, è una fonte d’ispirazione sia per la nuova generazione di artisti che per le persone impiegate nella gestione delle arti, figure professionali che Julie si occupa di formare. Il suo tenero approccio, la sua capacità di far sognare l’interlocutore, la sua apertura e il suo ascolto sono impressi nella memoria di quelli che l’hanno conosciuta. Il suo impegno nell’ambito delle arti della scena e la costituzione di legami di collaborazione su scala internazionale le attribuiscono un ruolo molto importante per la visibilità internazionale delle arti del circo e del teatro. Oltre ai suoi successi, noi tutti ci ricorderemo delle sue qualità personali: la sua generosità, la sua tenerezza, la sua empatia, la sua leggerezza, la sua passione e il suo sorriso schietto apprezzati sia dagli attori più rinomati della scena internazionale che dagli artisti, i tecnici e gli amici in Québec, in Ticino, in Francia, negli Stati Uniti e nei quattro angoli del mondo. Ci lascia tanti bei progetti in corso e una tonnellata di ricordi preziosi, ma un vuoto immenso nel cuore. Grazie, cara Julie.

La Compagnia è stata fondata da Antonio Vergamini, Daniele Finzi Pasca, Hugo Gargiulo, Julie Hamelin Finzi e Maria Bonzanigo e ha sede a Lugano (Svizzera).

In quest’avventura s’incrocia la storia d’Inlevitas e quella del Teatro Sunil. Quest’avventura è generata dal desiderio di continuare a sviluppare dei progetti artistici che approfondiscano il “Teatro della Carezza”, tecnica del gesto invisibile e di uno stato di leggerezza. Attraverso gli anni, questi concetti hanno costruito un’estetica particolare che attraversa tutte le dimensioni: uno stile di creazione e di regia, un particolare modo di concepire la produzione, una filosofia di allenamento per l’attore, l’acrobata, il musicista, il danzatore e il tecnico, un atteggiamento per abitare lo spazio e riprendere la memoria che porta nostalgia e può commuovere. Il gesto poetico del clown che va da un monologo per un solo spettatore a una cerimonia olimpica, il teatro, la danza, il circo, l´opera, il cinema, tutto si riunisce in Compagnia Finzi Pasca.

Sette spettacoli in tournée internazionale:
Per te (2016)
Bianco su Bianco (2014)
La Verità (2013)
Donka – una carta a Cechov (2010)
Brutta Canaglia la Solitudine (versione originale, 1999 e versione spagnola, 2013)
Icaro (1991)
La Fête des Vigneorns, Vevey (Svizzera,2019)

Opere in repertorio:
L’Amour de Loin (2009)
Aida (2011)
Pagliacci (2011)
Requiem de Verdi (2012)
Carmen (2015)

Più di 25 creazioni, nelle quali si incontrano il teatro, il circo, la danza e la musica dal 1984 a oggi.
Regia per conto di altre compagnia e progetti particolari riconosciuti internazionalmente:
Cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici di Torino, Filmmaster Italia (2006)
Corteo (2005) e Luzia (2016) per il Cirque du Soleil

Trilogia del cielo:
– Nomade, la notte il cielo è più grande per il Cirque Éloize (2002-2006)
– Rain, come una pioggia nei tuoi occhi per il Cirque Éloize (2004-2012)
– Nebbia co-produzione tra il Cirque Éloize & Compagnia Finzi Pasca (2007-2011)
Cerimonia di Chiusura dei Giochi Olimpici e la Cerimonia di Apertura dei Giochi Paraolimpici di Sochi, Russia 2014
AVUDO, Montreal (Montreal – Canada, 2017)

Budapest – Ungheria
«In pochi minuti, il pubblico si adatta a questa strana lingua e viene trasportato in una sorta di nostalgia svolazzante e famigliare, come in un lontano sogno».

«Il tempo diventa un concetto relativo in questo giardino. Non c’è una narrativa lineare, solo sequenze di immagini che ci permetto di assaporare il sentimento di nuotare nel infinito oceano di dolore e ricordo».

Fidelio.hu – 23.03.2017

Mérida – Spagna
«Un viaggio di serenità che sembra un sogno, dove si confondono reale e fantastico e lo spettatore è accompagnato dalla comicità alla riflessione».

Sipse.com – 14.01.2017 – Mérida, Messico

Lugano – Svizzera
«Per te è, quasi paradossalmente, un inno alla vita, alla strepitosa forza del teatro, della fantasia e della creatività, alla fondamentale importanza dell’amicizia nelle circostanze più difficili dell’esistenza».
«Per te è così costellato di momenti in cui grandi superfici di leggerissimo tessuto garriscono, grazie a correnti d’aria di precisione millimetrica, dando vita talvolta ad anime che si rifiutano di partire, oppure a vele di navi fantasma che osano affrontare i peggiori marosi, o ancora a un grande cuore rosso che pulsa».

Corriere del Ticino – 04.11.2016 Lugano, Svizzera

«È prima di tutto un atto d’amore – generoso, appassionato, personale – al quale è difficile rispondere con logica di una recensione».

La Regione – 03.11.2016, Bellinzona, Svizzera

«E poi c’è il vento che soffia impetuoso, facendo danzare colori e poesia, regalando incanto e magia».
«Per te è un’opera emotivamente coinvolgente (…) è uno spettacolo in cui si ride e si piange, ci si commuove e si sorride».

Liberatv.ch – 03.11.2016, Lugano, Svizzera

Distribuzione ed informazioni
ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna
Silvia Bevilacqua +39 059.340221
silvia.bevilacqua@ater.emr.it

Crediti Foto – Viviana Cangialosi