Caricamento Eventi

Nel 70° Anniversario della proiezione del primo film Don Camillo (1952)

Nel panorama musicale del ‘900 italiano, Alessandro Cicognini (1906-1995) rappresenta una delle figure più talentuose ed emblematiche, il cui catalogo vanta un’ampia produzione che spazia un po’ in tutti generi. Tuttavia, la sua notorietà è legata, in particolare, alle celeberrime colonne sonore di altrettanto film famosi firmati da eccellenti registi, da Blasetti a Vittorio de Sica (sue le musiche per Sciuscià e Ladri di biciclette), appartenenti al neorealismo post-bellico. Cicognini diventa così un testimone principe quando viene chiamato a scrivere la colonna sonora di tutti i film della saga “Don Camillo e Peppone”, ove la musica assume un’importanza assoluta nel descriverne i vari personaggi creati dalla mano di Giovannino Guareschi, una sorta di leitmotiv in cui i temi, uno dopo l’altro, testimoniano della mirabile e facile vena compositiva del Maestro pescarese.

Nel 2009 Federico Ermirio, allora direttore del Conservatorio di Alessandria, affascinato dal talento musicale di Cicognini ed estimatore dei film di Don Camillo-Guareschi, decide, d’intesa con l’editore Bixio, di ricostruire tutte le musiche della serie (essendo le originali completamente perdute); il lavoro della ri-orchestrazione viene affidato a Fabrizio Francia, abile musicista e raffinato arrangiatore che ha ben compreso e reinterpretato la partitura dell’autore. Ne è seguita un’originale registrazione con l’Orchestra del Conservatorio diretta da Marcello Rota e una testimonianza in CD di oltre 60 minuti, un vero e completo poema sinfonico in cui si alternano e succedono rapidamente i sentimenti e le vicende descritte nei lungometraggi, il che rende così onore all’arte e alla poliedrica inventiva di Alessandro Cicognini.

Successivamente, con la partecipazione dell’attore Enrico Beruschi, prende vita uno spettacolo musicale in un atto unico che propone, in alternanza, le letture dai vari racconti di Guareschi e le parti musicali di Cicognini, in un mirabile crescendo di situazioni straordinarie ed esilaranti.