Caricamento Eventi

«Siamo in un luogo dove qualcosa è successo. Un luogo dove il fuoco ha distrutto ogni cosa. La fiamma ha attraversato la bellezza che un tempo vi dimorava e ne ha ucciso ogni possibile testimonianza. Resta l’ossame di quel mondo e una gigantesca immagine del vecchio progetto, ciò che doveva essere quel mondo prima del disastro, lo scheletro su cui costruire il nostro luogo da abitare. Questo progetto è sotto gli occhi dello spettatore da subito, quasi fosse un promemoria dello sforzo compiuto prima della sua realizzazione. Come se facessimo coincidere il progetto di un palazzo bellissimo con la fotografia della sua distruzione. È un ricordo, è lo strazio della memoria che continua a bruciarci i pensieri, è la compresenza di ciò che era e di ciò che non c’è più. Così questa storia comincia, in un mondo compromesso, dove il trauma di Azucena, amplificato sulla scena, ha investito la vita di chi vive in una stanza completamente sommersa dai resti di un mondo perduto. Non è rimasto nulla; solo oggetti carbonizzati a ricordarci delle cose che erano e che non torneranno mai più. Una libreria bruciata ci rimanda a una memoria compromessa, a un’impossibilità di verificare che le cose qui narrate siano davvero accadute. Gli uomini che abitano questo posto, vivono nella completa solitudine, errando sulla terra deserta e nera, intrappolati nella storia che non li lascia andare. È la storia di un dolore doppio e terribile. La storia di una donna che ha visto morire la madre e che per errore ha arso vivo il proprio figlio. Il fuoco è l’assassino, l’immagine che si è impressa negli occhi al punto da sostituirsi al mondo tutto intero. Azucena, così come tutti gli abitanti di questa storia, si muove sopra i resti che quel fuoco ha lasciato dietro di sé, e il suo incedere passo dopo passo, nel mare nero che le ricorda tutto, le brucia ancora la pelle. Nessuno può liberarsi di un dolore simile, nessuno può rimuoverlo. Ma c’è qualcosa in questa storia, una voce che canta ancora l’amore vero e autentico, che come un aratro, incide la terra nera di cenere, scoprendo la luce che vi si nasconde. E allora si lavorerà per disseppellire il mondo che era, una “pace bianca” che possa tornare a far respirare tutti. La rimozione di un trauma. La pulizia definitiva di un’anima fortemente compromessa dal dolore. La ricerca della luce che ognuno di noi possiede, e che è seppellita sotto il peso delle colpe. Da questo momento in poi bisognerà far respirare la luce per sopravvivere al soffocamento.
Azucena assolderà gli zingari per rimuovere le tracce del trauma che infesta questo mondo da quando il fatto è stato commesso. I resti bruciati che vengono rimossi non sono mai abbastanza, e il bianco che giace sul fondo lo si può solo intravedere. Mucchi di sporco vengono prelevati a tempo, con le donne che incitano gli uomini a fare un buon lavoro. In quel mondo bisognerà abitarci per sempre e, per sempre, si sarà condannati forse ad operare questa rimozione. Come ci fosse, sulla pelle di ciascuno, l’impronta di un peccato da dover espiare. Ognuno col suo peso. Ognuno con la propria colpa. Azucena rivive il trauma di quella doppia morte di continuo. La sua realtà, filtrata da occhi ormai morti, è quella che ciascuno di noi vede. Ciò che le è accaduto è talmente potente che ha involontariamente toccato tutti. Solo Leonora potrà liberarli. Soltanto la sua morte potrà davvero rendere possibile questo amore che altrimenti, soffocherebbe sotto la cenere come tutto questo mondo che agonizza. Sarà così che deciderà di offrirsi all’uomo che da tempo brama di possederla. Al cospetto del Conte di Luna, infatti, offrirà se stessa in cambio della libertà, in cambio di una breccia nel muro, di uno spiraglio di luce che consenta a Manrico di fuggire via da questa “tomba di vivi”. Il suo sacrificio, questo amore che in questo mondo non trova spazio, potrebbe liberarli tutti. Nessuno però ha tempo di vedere che la via è schiusa;  che, finalmente, tutto il mondo è in luce. Al cospetto della definitiva libertà, si resterà immobili e inermi. Ciascuno impegnato con la propria rabbia, con la grande stanchezza che questo vivere comporta. Manrico viene mandato a morire. Gli occhi di Azucena si posano su un altro omicidio. “Egli era tuo fratello”, urla al Conte che finalmente entra in possesso della verità. Quell’uomo è ora un omicida;  si è sporcato. Irrimediabilmente e per sempre. Il trauma col quale convivere adesso, è soltanto il suo. Azucena, come Medea sul carro alato del dio Elios, fugge verso la sola porzione di luce rimasta. È la fine di ogni dolore. Il conte resta solo. Le mani completamente sommerse da nuova cenere».

Roberto Catalano