La Principessa della Czarda

La Principessa della Czarda

Operetta – Domenica 11 marzo al Creberg Teatro

La Stagione di Operetta della Fondazione Teatro Donizetti si conclude domenica 11 marzo al Creberg Teatro (ore 15,30) con La Principessa della Czarda, nell’allestimento della Compagnia Teatro Musica Novecento, con la regia di Alessandro Brachetti. Scene e costumi di Artemio Cabassi realizzati da ArteScenica Reggio Emilia. Coreografie di Salvatore Loritto. Corpo di ballo Novecento. Orchestra Cantieri d’Arte diretta da Stefano Giaroli. Interpreti: Susie Georgiadis, Alessandro Brachetti, Silvia Felisetti, Antonio Colamorea, Fulvio Massa, Marco Falsetti e Niccolò Prestigiacomo.
Prezzi biglietti: da 15 a 34 Euro. Info e Prenotazioni: Tel. 035.4160 601/602/603.

Operetta in due atti di Emmerich Kalman, presentata al Teatro Johann Strauss di Vienna il 13 novembre 1915, proprio nei giorni dell’assassinio di Sarajevo e dello scoppio della prima guerra mondiale, La Principessa della Czarda ottenne uno dei più grandi successi della storia dell’operetta; successo che si è rinnovato intatto fino ai nostri giorni. Il libretto si rifà alla tipica atmosfera del crepuscolo dell’Impero Asburgico, ispirandosi alle più frequenti conversazioni da salotto e all’argomento più popolare in quell’epoca: quello dei matrimoni impossibili tra rampolli dell’aristocrazia viennese e belle ed affascinanti primedonne del varietà.

Trama
La Principessa della Czarda ha inizio con una festa d’addio al cabaret Orpheum di Budapest, in vista della partenza per l’America della celebre cantante Sylva Varescu, di cui il giovane principe di Lyppert- Weylersheim, Edvino, si è innamorato. Purtroppo il romanzo d’amore è destinato a durare poco. Infatti, il padre del principe, contrario a questo legame, ha preparato per il figlio un fidanzamento ufficiale con la contessina Stasi. Ma Sylva ed Edvino si amano profondamente e, prima di lasciarsi, il principe stipula un contratto di nozze col quale promette di sposarla entro otto settimane.

Il secondo atto ha luogo a Vienna, presso i Lippert-Weylersheim. Sono passate diverse settimane, ed è in corso un altro festeggiamento: il fidanzamento di Edvino e Stasi. Durante le celebrazioni, giunge a Palazzo un amico di famiglia, il Conte Boni: è accompagnato da Sylva, presentata come sua consorte. Tuttavia, qualcuno la riconosce come la famosa Principessa della Czarda, sebbene lei neghi. Boni è in realtà innamorato di Stasi, ed annuncia il divorzio da Sylva. Dopo molteplici colpi di scena, Edvino potrà coronare il suo sogno d’amore con Sylva, mentre Boni accoglierà Stasi come sua sposa.

La Compagnia Teatro Musica Novecento nasce nel 1995 a Reggio Emilia ad opera di un gruppo di artisti affermati in campo teatrale, lirico ed operettistico, con importanti esperienze maturate nelle più prestigiose Compagnie d’Operetta e di Prosa, nonché in importanti Enti Lirici. Incoraggiata dai calorosi consensi riscossi con la sua prima produzione, La Vedova Allegra di Franz Lehár, la Compagnia Teatro Musica Novecento ha intrapreso un percorso di ricerca, valorizzazione e modernizzazione nell’ambito del genere Operetta. Cin-Ci- Là, Il Paese dei Campanelli, Al Cavallino Bianco, La Principessa della Czarda, Scugnizza e L’Acqua Cheta, assieme alla stessa Vedova Allegra, sono i titoli di punta che hanno portato la Compagnia ad esibirsi nei migliori teatri d’Italia.

Ciò che fin da subito ha connotato la Compagnia Teatro Musica Novecento è una visione corale dello spettacolo, in cui tutti gli elementi hanno una peculiare caratterizzazione e uno specifico rilievo. Dopo il debutto nel 2005 di Ballo al Savoy di Paul Abraham, ambientato negli Anni Trenta, che impegna ad aprirsi ad uno stile più vicino al Musical, la Compagnia decide di affrontare le grandi pagine dell’Operetta francese di Jacques Offenbach: La Vie Parisienne e La Belle Hélène. Seguono Fiore d’Hawaii di Paul Abraham, La danza delle libellule di Franz Lehár, La Bajadera di Emmerich Kálmán. Un elemento sicuramente distintivo della Compagnia è sicuramente la musica dal vivo: Teatro Musica Novecento è infatti una delle pochissime compagnie d’Operetta in Italia che può vantare la presenza dell’orchestra dal vivo in ogni suo spettacolo, grazie alla stretta collaborazione con l’Orchestra Cantieri d’Arte.

www.teatrodonizetti.it

2018-03-09T15:34:39+00:00