Bergamo Jazz Festival 2018

Bergamo Jazz Festival 2018

Bergamo Jazz Festival 2018
Special Event al Lazzaretto

18 giugno 2018
Paolo Fresu Quintet con Tino Tracanna

19 giugno 2018
CDpM Europe Big Band e JW Orchestra

Due serate speciali per continuare i festeggiamenti della Quarantesima edizione di Bergamo Jazz Festival: dopo la consueta programmazione di marzo, coronata da ampi consensi sia da parte di pubblico che di critica, la Fondazione Teatro Donizetti promuove per il mese di giugno, lunedì 18 e martedì 19, due appuntamenti eccezionalmente ospitati al Lazzaretto (ore 21.30).
Protagonista della prima serata sarà proprio uno dei quattro “directors” che hanno animato con grande successo l’ultima serata di Bergamo Jazz Festival: Paolo Fresu. Il trombettista sardo, che di Bergamo Jazz è stato Direttore Artistico dal 2009 al 2011, si farà ascoltare stavolta alla guida del suo abituale quintetto comprendente il sassofonista bergamasco Tino Tracanna, il pianista Roberto Cipelli, il contrabbassista Attilio Zanchi e il batterista Ettore Fioravanti.
La sera successiva i riflettori saranno puntati su due orchestre che rappresentano diverse generazioni del jazz orobico e che vedono di fianco gli uni agli altri musicisti di lunga esperienza e giovani talenti: CDpM Europe Big Band, diretta emanazione dell’omonima scuola e nell’occasione impegnata nella riproposizione di celebri standard, e JW Orchestra, formazione ampiamente rodata che presenterà il progetto Africa Jazz Travelling.

Lunedì 18 giugno – ore 21.30
Paolo Fresu Quintet
Paolo Fresu (tromba, flicorno), Tino Tracanna (sax tenore e soprano), Roberto Cipelli (pianoforte, Fender Rhodes), Attilio Zanchi (contrabbasso), Ettore Fioravanti (batteria)

Il quintetto di Paolo Fresu nasce nel 1984 per volontà dello stesso leader e del pianista Roberto Cipelli: oggi fa a pieno diritto parte della storia del jazz italiano ed europeo tutto, entrando nel novero dei gruppi in assoluto più longevi. L’esordio discografico avviene nel 1985 con Ostinato, seguito l’anno dopo da Inner Voices, impreziosito dalla presenza del sassofonista americano Dave Liebman. L’attività del quintetto, sia discografica che concertistica, è da allora proseguita a ritmo serrato: nel quadro dei numerosi progetti da leader e collaborativi nei quali Paolo Fresu si è via via prodotto, questo gruppo rimane un punto fermo, al quale fare sempre riferimento e tornare periodicamente per esprimere una visione del jazz dinamica, strettamente legata alla moderna tradizione di questa musica ma nel contempo in continuo movimento. Tutti i componenti del quintetto hanno una precisa identità espressiva che si riversa nel collettivo per dar corpo a una idea musicale corale.

Martedì 19 giugno – ore 21.30
CDpM Europe Big Band: Tin Pan Alley
Sergio Orlandi (direzione e prima tromba), Gabriele Comeglio (arrangiamenti e sax solista), Giulio Visibelli (sax tenore solista), Simona Zambetti (voce solista), Claudio Angeleri (pianoforte solista) Alessandro Bottacchiari, Luca Pelliccioli, Gaetano Iocoli, Paolo Simone, Francesco Testa (trombe), Carlo Napolitano, Davide Albrici (tromboni), Guido Stefanini, Nicholas Lecchi, Andrea Ocera, Enrico Bono, Piergiorgio Mocchi (sassofoni), Ermanno Novali (pianoforte), Pietro Berti (chitarra), Chiara Bianchi, Piero Pasini (contrabbasso), Max Furian (batteria).

La CDpM Europe Big band allinea alcuni jazzisti italiani di provata esperienza che vanno ad affiancarsi a giovani talenti provenienti dai corsi di perfezionamento europeo del CDpM.
L’orchestra ha al suo attivo partecipazioni al Festival Bergamo Jazz, nell’ambito degli incontri con le scuole curati dallo stesso CDpM, alle iniziative concomitanti con l’International Jazz Day dell’UNESCO e concerti al Blue Note di Milano, oltre a interscambi con il Festival di Malta e con l’orchestra americana del Conard High Institute di Hartford. Il progetto Tin Pan Alley si rifà esplicitamente al simbolo della musica americana degli inizi del ‘900: un luogo fisico – collocato nel cuore di Manhattan, dove i grandi songwriter (da George Gershwin a Irving Berlin, da Cole Porter a Jerome Kern) composero le più famose canzoni dei musical di Broadway – che con gli anni ha acquisito un’accezione assai più ampia. La straordinaria produzione musicale di Tin Pan Alley costituisce infatti gran parte di quel bacino di “standards” al quale, ieri come oggi, molti jazzisti attingono. Alcuni di questi standard vengono ripresi dalla stessa CDpM Europe Big Band con gli arrangiamenti di Gabriele Comeglio.

JW Orchestra: Africa Jazz Travelling
Marco Gotti (sax alto, soprano, clarinetto, direzione, arrangiamento), Giuseppe Chirico, Sergio Orlandi, Gigi Ghezzi, Alessandro Bottachiari (trombe), Davide Albrici, Ivo Salvi, Pier Muccio (tromboni), Gianbattista Gotti, Maurizio Moraschini, Marco Bussola, Giancarlo Porro, Andrea Ferrari (sassofoni, clarinetto), Francesco Chebat (pianoforte/tastiere), Sandro Massazza (contrabbasso), Stefano Bertoli (batteria).

La JW Orchestra è stata fondata nel 1994 dal sassofonista e clarinettista Marco Gotti, che ne cura gli arrangiamenti e la direzione. Nell’arco della sua vita artistica l’orchestra ha collaborato con numerosi artisti internazionali (Bob Mintzer, Gianluigi Trovesi, Lew Soloff, Roberto Gatto, Maurizio Giammarco, Bobby Watson, Dave Weckl e altri ancora) e ideato numerosi progetti, dedicati anche alla rivisitazione di opere e autori classici (Gustav Mahler, Mussorgskij, Verdi), nonché a Ennio Morricone e ai Beatles. Africa Jazz Travelling è una sorta di viaggio virtuale le cui tappe sono alcune delle più suggestive località dell’Africa: oltre a composizioni firmate dallo stesso Marco Gotti, l’orchestra esegue originali arrangiamenti di brani scritti da musicisti che nella loro storia personale si sono ispirati a questo continente, da John Coltrane (“Africa”) a Jackie McLean (“Appointment in Ghana”), da Horace Silver (“Safari”) a Richie Beirach (“Madagascar”).

________________________________________________________________________________
La Fondazione Teatro Donizetti ringrazia per il sostegno e la collaborazone: Studio BNC, Centax Telecom, AZ Veicoli, Ambrosini Carni, Le Soprano, Ecogreen Stampa.
PREZZI BIGLIETTI
Concerto del 18 giugno: € 15,00
Concerto del 19 giugno: € 10,00
Biglietti disponibili da martedì 22 maggio 2018
BIGLIETTERIA
c/o PROPILEI DI PORTA NUOVA
Largo Porta Nuova, 17 – Bergamo
Tel. 035.4160 601/602/603
E-mail biglietteria@fondazioneteatrodonizetti.org
Orari: da martedì a sabato ore 13.00-20.00
ONLINE vivaticket.it
LAZZARETTO
Apertura cancelli ore 19.00

In caso di maltempo i concerti si svolgeranno al Teatro Sociale

www.teatrodonizetti.it

2018-05-23T18:06:46+00:00