Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

La scorsa estate hanno incantato Umbria Jazz con una “superba performance contrappuntistica” e qualche mese dopo hanno conquistato il London Jazz Festival stregando letteralmente il pubblico del Barbican (il “Guardian” li ha definiti per l’occasione “the cuban wizards”). Chucho Valdes e Gonzalo Rubalcaba, ovvero due generazioni della musica cubana a braccetto, costituiscono dunque la coppia musicale del momento, non solo a livello pianistico. Il loro progetto si chiama Trance, a sottolineare la spiritualità di un incontro che non è, quindi, solo la somma di due strumenti uguali o dei rispettivi virtuosismi che li sospingono. È una collaborazione vera, a più livelli, artistico e umano, che si nutre innanzitutto del rispetto reciproco e di un’amicizia di lunga data. Chucho Valdes è vincitore di cinque Grammy Awards e di tre Latin Grammy: è semplicemente uno dei più influenti artisti cubani di sempre. Fondatore e leader dei leggendari Irakere, ha ridefinito i tratti identitari della musica cubana, portandola a contatto con il jazz e il rock, ma senza alterarne l’anima e lo spirito. Gonzalo Rubalcaba di Grammy ne ha vinti solo (si fa per dire) quattro. E di anni ne ha 22 di meno dell’insigne partner. Ma la distanza anagrafica è superata da quella naturale musicalità che gli ha fatto bruciare le tappe, sin da quando, appena ventisettenne, si esibì nel 1990 al Festival di Montreux, in trio con due fuoriclasse come Charlie Haden e Paul Motian: il 16 luglio di quell’anno è nata una star.