Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Ultima fatica teatrale del compositore bussetano, Falstaff debuttò al Teatro alla Scala il 9 febbraio 1893: fu un trionfo di pubblico e critica e il compositore – raccontano – fu costretto a salutare la
folla dal balcone dell’albergo rientrato dopo la fine dello spettacolo. Apice della collaborazione fra Verdi e Arrigo Boito, il poeta scapigliato prepara un libretto di straordinaria finezza tratto da alcuni play shakespeariani, soprattutto la commedia Le allegre comari di Windsor e ancora Enrico IV ed Enrico V, siglando così il binomio drammaturgico fra Giuseppe Verdi e il grande scrittore
dell ’Inghilterra elisabettiana del Seicento.
Per questa nuova coproduzione di quella che è considerata l’unica opera comica di Verdi, OperaLombardia insieme alla Rete Lirica delle Marche e al Teatro Marrucino di Chieti si è affidata alla
progettualità di un team creativo fra i più interessanti della fucina dei progetti Educational di AsLiCo, composto da Roberto Catalano (regia), Emanuele Si n isi (scene) e Ilaria Ariemme (costumi), artisti tra l’altro già molto apprezzati a Bergamo per aver firmato il dittico Donizetti-Mayr nel festival 2017.
Sul podio Marcello Mottadelli, mentre nel cast brilla il nome di uno dei baritoni verdiani più noti di oggi, Alberto Gazale.